Open day 2016-2017

Open day 2016-2017

Criteri per l’attribuzione del voto di condotta da parte dei consigli di classe

Allegato 6 al Verbale n. 2 Collegio dei docenti

11.09.2015 

Criteri per l’attribuzione del voto di condotta da parte dei consigli di classe

 

Nell’elaborazione dei criteri per l’attribuzione del voto di condotta si è tenuto conto della normativa di riferimento (Statuto delle studentesse e degli studenti e legge 169/2008), degli atti interni  alla scuola (Regolamento di Istituto e Patto Educativo di Corresponsabilità),del Decreto Ministeriale  n.5 del 16 gennaio 2008, (attuativo del comma 3 dell’art.2 della legge 169 del 30 ottobre 2008)e dei seguenti elementi:

  • Comportamento nel rapporto con i docenti, il personale ed i compagni;
  • Uso delle strutture, delle attrezzature e del materiale  della scuola;
  • Rispetto del regolamento di istituto con particolare riferimento alla frequenza delle lezioni e al rispetto degli orari;
  • Partecipazione alle attività educative, formative e di istruzione;
  • Rispetto delle consegne;
  • Rapporto con lo svolgimento delle lezioni e delle attività didattiche;
  • Rispetto delle norme di sicurezza;

Il voto 10 rappresenta la completa acquisizione e interiorizzazione delle norme che regolano la vita scolastica e un livello eccellente di partecipazione attiva e propositiva all’esperienza scolastica.

Il voto 9 rappresenta una buona  acquisizione e interiorizzazione delle norme che regolano la vita scolastica e un buon livello di partecipazione all’esperienza scolastica, in assenza di richiami al rispetto delle regole.

Il voto 8 rappresenta una valutazione positiva della condotta, pur in presenza di lievi mancanze e della possibilità di miglioramento.

Il voto 7 rappresenta una valutazione non sempre positiva della condotta e denota un’acquisizione parziale delle norme che regolano la vita scolastica, una partecipazione non attiva all’esperienza scolastica e l’esigenza di crescita della consapevolezza della importanza dell’integrazione nel sistema scolastico.

Il voto 6 rappresenta la necessità di un notevole miglioramento della condotta e denota la difficoltà dell’alunno ad interiorizzare anche le più semplici norme della vita scolastica e delle relazioni interpersonali  e l’incapacità  a relazionarsi con l’ambiente circostante.

Il voto 5 rappresenta una valutazione negativa della condotta e denota la presenza di un atteggiamento di rifiuto delle regole scolastiche e del dialogo educativo. Viene attribuito in caso di gravi e reiterate violazioni del regolamento disciplinare, che hanno comportato l’allontanamento temporaneo per periodi superiori a 15 giorni, e dell’accertamento di reati che violano la dignità e il rispetto della persona umana o nel caso vi sia pericolo per l’incolumità delle persone e non consente l’ammissione alla classe successiva o agli esami di stato.

La correlazione tra l’attribuzione del voto di condotta e le sanzioni disciplinari non è automatica anche se, in presenza di richiami verbali, non è possibile assegnare il voto massimo.

In caso di presenza di una sanzione disciplinare per violazioni non gravi, il consiglio di classe, nel determinare il voto di condotta, dovrà tener conto anche dei progressi ottenuti  dall’alunno nel recupero di un comportamento corretto.

Non sé naturalmente prevedibile la presenza di tutti gli indicatori per la situazione di ogni alunno. Il Consiglio di classe valuterà l’insieme dei comportamenti e della presenza /assenza degli indicatori.

Si individuano pertanto i seguenti profili di riferimento per l’assegnazione del voto di condotta: 

Voto: 10

L’alunno/a è sempre molto corretto/a con i docenti, con i compagni, con il personale della scuola.

Utilizza in maniera responsabile ed appropriata il materiale didattico, le attrezzature e  le strutture della scuola.

Rispetta il regolamento di istituto. Non ha a suo carico richiami o provvedimenti disciplinari.

Ha frequentato con assiduità le lezioni e ha rispettato gli orari.

Nel caso di assenze ha giustificato con tempestività.

Ha seguito con interesse continuo e partecipe le proposte didattiche, ha un ruolo propositivo e di aiuto all’interno della classe e ha collaborato attivamente alla vita scolastica.

Adempie alle consegne in maniera puntuale e continua. E’ sempre fornito/a del materiale necessario. Collabora attivamente al regolare e proficuo svolgimento delle lezioni.

Rispetta e fa rispettare le prescrizioni relative alla sicurezza.

Voto: 9

L’alunno/a è sempre corretto/a con i docenti, con i compagni, con il personale della scuola.

Utilizza in maniera responsabile il materiale didattico, le attrezzature e  le strutture della scuola.

Rispetta il regolamento di istituto. Non ha a suo carico provvedimenti disciplinari.

Ha frequentato con assiduità le lezioni e rispetta gli orari.

Nel caso di assenze ha giustificato con tempestività.

Ha seguito con interesse continuo le proposte didattiche, ha un ruolo propositivo all’interno della classe  e ha collaborato attivamente alla vita scolastica.

Collabora al regolare e proficuo svolgimento delle lezioni.

Adempie alle consegne in maniera puntuale e continua. E’ sempre fornito/a del materiale necessario. Rispetta e fa rispettare le prescrizioni relative alla sicurezza.

Voto: 8

L’alunno/a, nei confronti dei docenti, dei compagni e del personale della scuola, è sostanzialmente corretto/a.  Non sempre utilizza al meglio il materiale didattico, le attrezzature e  le strutture della scuola. Rispetta il regolamento di istituto, ma ha ricevuto alcuni solleciti verbali a migliorare. Rispetta le prescrizioni relative alla sicurezza.

Ha frequentato con regolarità le lezioni, ma talvolta non ha rispettato gli orari. Non sempre ha giustificato con tempestività le assenze.

Ha seguito con sufficiente partecipazione le proposte didattiche e generalmente collabora alla vita scolastica.

Non crea ostacoli al regolare e proficuo svolgimento delle lezioni.

Nella maggioranza dei casi rispetta le consegne ed è solitamente fornito/a del materiale necessario.

Voto: 7

Il comportamento dell’alunno/a nei confronti dei docenti, dei compagni e del personale della scuola non è sempre corretto.

Utilizza in maniera non appropriata il materiale, le attrezzature e le strutture della scuola.

Talvolta non ha rispettato il regolamento di istituto, ha ricevuto richiami verbali e ha a suo carico richiami scritti o sanzioni disciplinari.

Si è assentato frequentemente e non ha giustificato con regolarità. Ha accumulato molti ritardi.

Ha seguito in modo passivo e marginale l’attività scolastica. Collabora raramente alla vita della classe e dell’istituto.

Crea episodicamente disturbo e ostacolo al regolare e proficuo svolgimento delle lezioni.

Molte volte non rispetta le consegne  e non è fornito/a del materiale scolastico. Non è continuo/a nel rispetto delle prescrizioni sulla sicurezza.

Voto 6

Il comportamento dell’alunno/a nei confronti dei docenti, dei compagni e del personale della scuola è spesso non corretto.

Utilizza in maniera trascurata ed impropria il materiale, le attrezzature e le strutture della scuola.

Ha violato frequentemente il regolamento di istituto. Ha ricevuto ammonizioni verbali e scritte ed è stato sanzionato con l’allontanamento dalla comunità scolastica.

Ha accumulato un alto numero di assenze e ritardi finalizzati ad evitare alcune attività didattiche. Non ha giustificato regolarmente.

Ha partecipato con scarso interesse alle attività didattiche ed è spesso stato/a causa di disturbo  durante le lezioni. Ha rispettato solo saltuariamente le consegne scolastiche. Spesso non è fornito/a del materiale scolastico.

Crea spesso disturbo e ostacolo al regolare e proficuo svolgimento delle lezioni.

Ha violato in più occasioni le prescrizioni relative alla sicurezza. Non ha mostrato miglioramenti nel comportamento.

Voto 5

Il comportamento dell’alunno/a nei confronti dei docenti, dei compagni e del personale della scuola è molto scorretto e non rispettoso delle persone.

Utilizza in maniera trascurata e irresponsabile  il materiale, le attrezzature e le strutture della scuola.

Ha violato ripetutamente il regolamento. Ha ricevuto ammonizioni verbali e scritte ed è stato/a  sanzionato/a con l’allontanamento dalla comunità scolastica per periodi  superiori a 15  giorni in conseguenza di reati che violano la dignità e il rispetto della persona umana o nel caso vi sia pericolo per l’incolumità delle persone.

Ha accumulato un alto numero di assenze  rimaste per la maggior parte ingiustificate.

Non ha mostrato alcun  interesse per le  attività didattiche ed è stato/a sistematicamente causa di disturbo  durante le lezioni. Non ha rispettato le consegne scolastiche ed è stato/a  sistematicamente privo/a del materiale scolastico.

Crea sistematicamente disturbo e ostacolo al regolare e proficuo svolgimento delle lezioni.

Ha violato continuamente le prescrizioni relative alla sicurezza. Non ha mostrato miglioramenti apprezzabili e concreti cambiamenti nel comportamento tali da evidenziare un sufficiente livello di miglioramento nel suo percorso di crescita e di maturazione.

 

Criteri approvati dal Collegio dei docenti in data 11.09.2015 (Delibera n. 11/2015-2016).

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookie sul vostro dispositivo.