In campo contro le malattie a trasmissione sessuale. I giovani parlano ai giovani

B8D67B8E-CDE1-4728-83D5-2347F9B90D80.jpe

Un vero e proprio Congresso Nazionale quello a cui venerdì 28 novembre tutte le classi quarte dell’indirizzo scienze umane del nostro liceo hanno partecipato presso la sala convegni dell’acquario di Genova. Si tratta del XXXI Convegno Nazionale organizzato dall’associazione onlus ANLAIDS, nata in Italia nel 1985 con lo scopo di fermare la diffusione dell’infezione da HIV. 

Tale convegno nazionale si è svolto quest anno a Genova nelle giornate del 22 e 23 novembre e quest’ultima data è stata principalmente dedicata alle scuole, con la finalità principale di coinvolgere e rendere consapevoli gli studenti delle scuole superiori dell’importanza di una corretta prevenzione al riguardo delle patologie a trasmissione sessuale, in primis l’AIDS, e di corretti stili di vita inerenti le abitudini sessuali. Il titolo di questa giornata sociale: “Let’s talk about it- i giovani parlano di HIV ai giovani” riassume benissimo la tematica presentata all’interno del PROGETTO SCUOLA ANLAIDS un lavoro che coinvolge a 360 gradi gli studenti nel trasmettersi reciprocamente le nozioni apprese.

La sala congressi è stata riempita completamente da studenti provenienti da scuole della Liguria e di altre città del nord Italia, la nostra scuola ha rappresentato più del 50% dell’intera platea!

Le ore di congresso sono passate veloci, i ragazzi sono stati coinvolti sin dai primi momenti dai dibattiti e dalle presentazioni di produzioni video e letture elaborate da diverse scuole inerenti la tematica in questionefrutto di un lavoro di equipe consapevole nato dalla peer education e dalla voglia di unire le proprie forze per un obiettivo comune. Hanno partecipato anche studenti universitari con le loro produzioni votate poi dalla giuria di esperti. L’argomento è stata presentato da un punto di vista sociale, emozionale e non solo scientifico: è stato un susseguirsi di emozioni palpabili che hanno reso i ragazzi consapevoli di una problematica a loro spesso sconosciuta nonostante il sesso faccia parte della loro vita di adolescenti. E’stato anche un momento di confronto e riflessione sulla nostra società troppo spesso condizionata da pregiudizi sociali, sul rapporto con se stessi, con la famiglia e gli amici. 

Hanno partecipato al congresso medici, personale sanitario e professori universitari così come l’assessore alle politiche giovanili Barbara Grosso.

Perché partecipare a questo congresso? Perché la Liguria negli ultimi anni si è attestata come la regione italiana con il più alto numero di nuovi casi di infezioni da HIV tra gli adolescenti rispetto al totale della popolazione: l’85% dei casi è dovuto a rapporti sessuali non protetti. Ecco perché la scuola ha il dovere di farsi promotrice in primo piano della cultura della conoscenza e prevenzione per far sì che i giovani abbiano gli strumenti per agire in modo corretto anche riguardo a questo importante aspetto della loro vita. 

A tal proposito il PROGETTO SCUOLA ANLAIDS, quest anno inserito nell’agenzia ligure sanitaria (ALISA) prevede un percorso formativo scolastico a cui le nostre classi quarte e terze parteciperanno attraverso interventi a scuola del personale di ANLAIDS e IST che opererà attraverso questionari anonimi, dibattiti e lezioni scientifiche. 

Ci proponiamo anche di partecipare, con lavori sul tema prodotti dai ragazzi, al prossimo convegno ANLAIDS e al concorso BEING POSITIVE promosso per divulgare ad altri giovani le conoscenze acquisite fornendo appunto un messaggio di positività che si basa sull’aiuto e la consapevolezza che possa scavalcare ogni pregiudizio!

 

 

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookie sul vostro dispositivo.