Il Liceo Pertini alla maratona digitale Hackathon

2A1D3EC3-4226-4CCC-8A45-8C407EF80DB5.png 

Nel cuore della Liguria, sei eccellenze tra le eccellenze hanno partecipato al primo CIVIC HACK della regione, l'iniziativa di Futurascuola, realizzata nell'ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale.
Tre studentesse e tre studenti, provenienti dalle classi quarte, hanno rappresentato a testa alta le tre sedi e i quattro indirizzi del nostro Liceo, a Rapallo, in una Kermesse della durata di tre giorni in cui si sono cimentati, attraverso una collaborazione intensa, in sfide che richiedevano risposte di utilità pubblica attraverso il linguaggio della tecnologia (guarda qui il programma).
L'iniziativa del Ministero dell'Istruzione Pubblica dell'Università e della Ricerca, organizzata dall''Istituto Liceti, mira a ribaltare letteralmente i modi tradizionali del "fare scuola", ponendo i giovani al centro dei processi di apprendimento.
Autonomia e lavoro di squadra, attività di ricerca ed esperienza personale, immaginazione e rigore metodologico, creatività e innovazione tecnologica sono stati al centro di un viaggio, all'insegna dell'esplorazione della conoscenza, in cui 101 studenti provenienti da 17 scuole liguri, organizzati in 12 tavoli di lavoro, sono stati condotti dall'alta professionalità di tre giovani formatori del MIUR, di poco più grandi di loro.
La STARTUP vincitrice della maratona digitale HACKATHON vede protagonista la nostra alunna CHIARA TERONI della 4E che commenta cosí l'esperienza:
 
"L’Hackathon è stata una bellissima esperienza, stancante e gratificante allo stesso tempo. 
È un progetto che offre veramente tante opportunità. 
Io avevo la sfida numero 2 “All inclusive Liguria”, con il mio gruppo abbiamo creato un progetto basato su un’app che funge da intermediario tra paziente e farmacia e una rete di trasporti che consegnano le medicine a domicilio con un metodo nuovo, veloce, economico e ecologico: i droni. 
Il nostro progetto ha vinto il primo premio, ci siamo qualificati alle finali nazionali; non ci potevamo credere, non ci sembrava vero!
Devo ammettere che dopo tutto il lavoro svolto è stata un’ottima ricompensa, non posso lamentarmi!"
 
Questi i commenti degli altri cinque studenti che hanno preso parte ai lavori, i quali, pur non risultando vincitori, si sono distinti per serietà e dedizione:
 
Francis Montalvo della 4F
" Sinceramente mi aspettavo una gara tra scuole che il MIUR avrebbe reso più competitiva. Il mio progetto era semplice e innovativo, un orologio dotato di intelligence assistance e machine learning per creare un assistente virtuale in grado di aiutare gli anziani nella quotidianità. 
Il mio team era formato da 9 studenti provenienti da scuole diverse. Da subito ci siamo trovati bene: c'era intesa e voglia di creare ma non solo, avevamo qualcosa di speciale; da compagni di team siamo diventati amici, ognuno sapeva cosa fare e nessuno si sentiva escluso, anzi tutti dicevano la propria (idea o critica). 
Io ci tornerei, anzi rivivrei l'esperienza fatta, le giornate che iniziavano alle sei e finivano a mezzanotte, il vento gelido in una giornata di sole, le risate e le discussioni; perché forse la scuola che immagino per il futuro è proprio così, con gli studenti che progettano, creano e condividono, pensando con la propria testa e senza influenze esterne, dove l' immaginazione e la creatività occupano anch’esse un ruolo importante".
 
Letizia Perugin della 4C
"Partecipare a questa esperienza è stato interessante e formativo per me. Il coinvolgimento è stato determinante per rendere memorabile questa esperienza: nei tre giorni trascorsi abbiamo lavorato senza sosta e, finiti i lavori, ci attendevano momenti ricreativi di musica, danza e spettacolo. Inoltre, lavorare al progetto con persone provenienti da indirizzi scolastici diversi dal mio ha permesso a ciascuno di partecipare attivamente e di contribuire al progetto sfruttando le proprie competenze. É sicuramente un'esperienza che mi porterò dentro e che vorrei ripetere".
 
Nicholas Borgogni della 4M
"Ero un po' scettico prima di partecipare a questo evento, non sapevo a cosa sarei andato incontro e non avevo idea di cosa fosse.
Nonostante ciò ho partecipato all'Hackathon e si è rivelata essere una delle esperienze scolastiche più belle e utili della mia vita .
Ho imparato molte cose pratiche  e manuali, ma la cosa che più ho appreso è stata quella di collaborare in un gruppo, dove le mie idee non sono state accettate .
Ho imparato a rispettare le idee degli altri e a collaborare nonostante le mie non fossero state scelte, e questo è quello che mi porterò dietro da questa esperienza che mi ha fatto crescere .
Poco importa della sfida che noi del team 5 abbiamo perso; certo vincere ci avrebbe fatto piacere, ma  penso di avere vinto una sfida con me stesso, ed è questo quello che conta .
Auguro a tutti di avere l'opportunità di partecipare a questa manifestazione e auguro a me stesso di poterne prendere parte un'altra volta".
 
Greta Del Noce della 4L
“Questa esperienza è stata molto positiva. All’inizio non mi era ben chiaro l’argomento da trattare e con chi avremmo dovuto lavorare, ma sono stati proprio questi motivi che hanno reso il progetto molto stimolante e piacevole: mi ha permesso di lavorare con ragazzi di altre scuole e di mettermi alla prova affrontando tematiche complesse, ma non sono stati solo giorni di intenso lavoro. Siamo stati coinvolti in attività di svago come la cena di benvenuto al Grand Hôtel, le serate musicali e lo spettacolo teatrale. Insomma, abbiamo lavorato intensamente ma siamo stati ben ricompensati!"
 
Emiliano Adamoli della 4F
"Bella, stimolante e formativa l'esperienza di tre giorni a Rapallo per l'Hackathon. Giorni di duro lavoro caratterizzati da una forte cooperazione, con studenti provenienti da diversi indirizzi scolastici, ognuno di noi ha messo a disposizione del gruppo le proprie conoscenze. Piacevoli i momenti ricreativi che mi hanno permesso di fare nuove amicizie. Avrò sempre questi tre giorni nei miei ricordi come la  migliore esperienza scolastica".
 
Ora ci attende la sfida nazionale: "In bocca al lupo" a Chiara!
 
Elisabetta Battista
 
Guarda le foto!
 

 Guarda il video!

 

 



Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookie sul vostro dispositivo.