La potenza della narrazione delle storie di vita

Jimmy

Anno scolastico 2011-2012, Liceo Statale "Sandro Pertini" di Genova: quattro ragazzi del quinto anno, alle soglie del diploma entrano in crisi e vogliono abbandonare la scuola.

La potenza della narrazione di due storie di vita, quella di Jimmy (nella foto in alto) e quella di  Idolo, li coinvolge incuriosendoli e sensibilizzandoli a tal punto da far passare in secondo piano l'idea di interrompere gli studi.

I quattro studenti si fanno promotori di  una ricerca-azione attraverso la quale, dalle  interviste ai due personaggi, alla raccolta e catalogazione dei documenti storici, coinvolge studenti, ex studenti, giornalisti, docenti, artisti, associazioni, e tante altre collaborazioni nazionali e internazionali.
Oggi il risultato é un processo che da cinque anni continua a "contagiare" centinaia di studenti, attraverso una partecipazione attiva alla vita del Liceo. 
Tanti ragazzi hanno imparato a cercare e trovare, all'interno dell'istituzione scolastica, ambiti realizzativi, specializzandosi nel prendersi cura dei propri coetanei, specie se in difficoltà.
Gli studenti attraverso la modalità del peer to peer, hanno intrapreso una lotta contro il fenomeno della dispersione scolastica e intorno alle due storie di vita hanno realizzato:
- la messa in scena di una drammaturgia collettiva con mostra dei documenti storici,  nell'ambito di una rassegna di teatro-educazione ;
- la stesura di un romanzo storico documentato attraverso la forma della scrittura collettiva;
- l'elaborazione di materiale didattico multimediale interdisciplinare;
- la realizzazione di un musical.
Questa esperienza ha fatto nascere nei giovani studenti, il piacere di sperimentare vari linguaggi artistici dentro e fuori i laboratori teatrali presenti tra le tante attività del Liceo, tutte con finalità didattico-pedagogiche come ad esempio il teatro in lingua, il teatro in classe o il laboratorio di musical.
Il processo di cambiamento va avanti grazie alla lungimiranza dell'attuale dirigenza, aperta al nuovo e attenta alle esigenze degli studenti.
Il prossimo anno scolastico sarà introdotto, tra gli altri, un laboratorio finalizzato all'acquisizione del linguaggio cinematografico per la realizzazione di video e la sperimentazione di un nuovo modo di narrare storie.
L'articolo sull'intervista fatta a Jimmy (visibile al  link seguente: http://letralia.com/entrevistas/2015/12/13/ahora-soy-vincenzo-downey-y-basta/) da parte della giornalista venezuelana Mayela Zambrano, conciliando interesse e curiosità nel voler conoscere le origini di questa avventura, testimonia di fatto,  il coinvolgimento e la professionalità di quanti hanno condiviso e continuano a condividere un'idea diversa nel modo di "fare scuola".
Elisabetta Battista

 

In allegato, la traduzione dell'articolo in lingua italiana a cura di Angela Berto.
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookie sul vostro dispositivo.